I dilemmi dell’UE – dobbiamo cambiare i modi di acquisizione della nostra energia

La situazione in EU inizia ad essere tesa, i problemi legati con l’indipendenza energetica diventano ogni anno più seri. Quali soluzioni vengono proposte e sono queste realizzabili?

 

Il potere limitato delle compagnie di gas

Una delle proposte fu quella di cambiare le clausole dannose ai mercati di energia in molti paesi. Potremmo menzionare cose come rendere il prezzo del gas dipendente dal prezzo del petrolio, per esempio. Molte “leggi” create dalle compagnie petrolifere dovrebbero cambiare e in accordo con il piano del governo polacco, questo sarebbe possibile garantendo più potere per la Commissione Europea.

Non tutti gli stati membri vogliono seguire e supportare questa soluzione. Potremmo indicare la Germania, che ha speciali relazioni con la Russia e non sarà d’accordo con questa idea. Questo fatto ha rotto l’unità dell’EU e ha chiuso il modo di ricevere consensi equilibrati con le compagnie petrolifere.

 

L’enfasi sulle risorse nostrane come indipendenza energetica

Un’altra idea, considerata una via possibile per risolvere i problemi energetici, è quella di investire in risorse di proprietà dei paesi membri dell’EU. Il gas di Scisto viene considerato come una delle maggiori risorse energetiche. Se questa idea funzionasse, sarebbe il modo migliore per avere l’indipendenza dai rifornimenti esterni e per costruire un mercato energetico forte e stabile. Prima che il lavoro sia in grado di muoversi in questa direzione, la Polonia e l’Inghilterra devono fare appropriate ricerche in questo settore.

 

Qual è il posto per le fonti energetiche rinnovabili?

Anche se l’EU vuole aumentare l’uso delle tecnologie verdi, ci sono solo pochi stati membri che fanno riferimento a problemi energetici. Uno di questi è la Germania, dove quella delle fonti energetiche rinnovabili è un’industria avanzata e fortemente in crescita. Dall’altro lato, la Polonia (che ha davanti a se un lungo percorso per completare le direttive EU in materia di fonti energetiche rinnovabili) che accenna a questo argomento solo in poche parole.

 

Questo significa che le fonti energetiche rinnovabili non saranno così importanti come lo sono state finora?

Probabilmente anche in questa situazione di crisi le fonti energetiche rinnovabili saranno ancora uno dei maggiori argomenti della politica EU. Possiamo prevedere ciò, tirando le conclusioni dagli sforzi e dalle dichiarazioni fatte in materia da potenti e importanti paesi come la Germania. Molti stati membri (inclusa la Polonia) credono che il modo migliore per raggiungere un mercato energetico forte e indipendente in Europa sia quello di creare un mix energetico. Le fonti energetiche rinnovabili condivideranno questa idea.

Categoria: 

Commenti


Scopri quanto si può guadagnare utilizzando clean and free solar energy!Calcolare il risparmio

Archivio